E’ caratterizzato da una batteria di vari test ad ampio spettro, che ha come obbiettivo quello di fornire una valutazione dei problemi che il soggetto lamenta, fornire indicazioni sugli approfondimenti più appropriati per una loro comprensione, raccogliere in modo uniforme un’anamnesi psicosociale del soggetto, dare un ampio ventaglio, di misurazioni iniziali, rispetto alle quali valutare l’evoluzione del caso e l’esito di un eventuale trattamento, fornire misurazioni di alcuni costrutti psicologici di primaria importanza quali l’ansia di stato, la depressione, le paure, le ossessioni, le compulsioni, i disturbi psicofisiologici; dare una valutazione di alcune variabili di tratto costituenti indici prognostici riferiti al rischio del soggetto di sviluppare, in presenza di determinate pressioni ambientali, disturbi e disadattamento; suggerire ipotesi relative alle relazioni funzionali che possono intercorrere tra problemi e disturbi attuali ed eventuali manifestazioni disadattive presenti nell’ambito familiare e socioprofessionale del soggetto. Il CBA-2.0 è stato pensato come sussidio per lo psicologo nel corso delle diverse operazioni di valutazione iniziale del caso e come fonte di suggerimenti, ipotesi ed informazioni addizionali.